È con estrema soddisfazione che comunichiamo ai visitatori che i laboratori di S.I.G.R.A. hanno ricevuto l'estensione dell'accreditamento ACCREDIA per la Conta Enterococchi e Conta Escherichia coli nelle acque di mare.

Il quadro normativo in materia di acque di balneazione è regolamentato dalla "Direttiva Balneazione" (Dir. 2006/7/CE), recepita dal D. lgs. 116/2008 , a sua volta seguito dal decreto attuativo (D.M. 30 marzo 2010). La stagione balneare 2010 è stata la prima ad essere monitorata secondo quanto previsto dalla citata normativa. La Direttiva in vigore privilegia una gestione integrata della qualità delle acque allo scopo di mettere in atto azioni volte a prevenire l´esposizione dei bagnanti a rischi. Il monitoraggio e l´attuazione di misure di gestione hanno l´obiettivo di riconoscere e ridurre le possibili cause di inquinamento. Le misure di gestione possono essere ottimizzate mediante un´accurata conoscenza del profilo di costa.


 I consulenti di S.I.G.R.A. supportano le aziende ed i responsabili del settore OSA (Operatori del Settore Alimentare) nell’elaborazione delle informazioni necessarie per la predisposizione dell’etichettatura ai fini del Regolamento UE 1169/2011 e per le esportazioni negli Stati Uniti d’America.

  

 S.I.G.R.A. ha ottenuto l'accreditamento ACCREDIA per Ricerca e conta di Legionella spp e della Legionella Pneumophila.

 

 

 

S.I.G.R.A. ha ottenuto l'accreditamento ACCREDIA per la ricerca della Salmonella spp su alimenti e tamponi su superfici, ambienti di lavoro, utensili ed attrezzature presenti nell'area di produzione e manipolazione degli alimenti

 

S.I.G.R.A. ha reso disponibile il calendario dei corsi e ha aperto le iscrizioni per l'anno 2014. Per maggiori informazioni visita la pagina corsi

 

 

S.I.G.R.A. ha ottenuto l'accreditamento ACCREDIA per la ricerca di numerosi metalli pesanti nelle acque destinate al consumo umano: Alluminio, Arsenico, Cadmio, Cromo, Rame, Ferro, Manganese, Nichel, Piombo, Vanadio.

Il D.Lgs. 81/08 ha effettivamente introdotto nuovi rischi da valutare? Il decreto 81/08 non ha in realtà introdotto nessun "nuovo rischio" da valutare (si pensi in particolare al rischio stress lavoro correlato citato nel decreto milleproroghe di fine 2008) ma ha soltanto ribadito ed evidenziato in modo particolare alcuni rischi che molto spesso venivano “dimenticati” dai datori di lavoro nell’ambito della propria valutazione di rischi.